domenica 4 giugno 2017

0 Il 5 giugno 1871 nasce a Foggia l’Anarchico Michele Angiolillo.

Appartiene alla schiera degli Anarchici individualisti come Gaetano Bresci, Giovanni Passannante, Pietro Acciarito ed altri ancora che, invece di rimanere in attesa della sommossa o di una rivoluzione del popolo, erano del parere che era meglio eliminare fisicamente chi commetteva azioni a danno dei popoli. Come molti altri Anarchici, lasciò l'Italia e si trasferì all'estero. Fu a Parigi, a Bordeaux, Madrid e poi a Londra. Nell'agosto del 1897 Michele Angiolillo lasciò la capitale inglese con un chiaro proposito: vendicare gli Anarchici incarcerati l'anno precedente nella fortezza spagnola di Montjuich, chi morto per le torture, chi condannato a morte e chi deportato nelle colonie africane. ( Il 1896 a Barcellona, durante la processione del corpus domini, sui fedeli viene lanciata una bomba. A compiere l’attentato, furono agenti della reazione con lo scopo di instaurare un clima teso ad iniziare una crociata contro gli Anarchici che, infatti, furono accusati dell’azione.
Subito dopo l’attentato furono arrestate quattrocento persone, ovviamente, legate al mondo Anarchico-rivoluzionario, e rinchiuse nella fortezza di Montjuich. Di questi, molti morirono sotto le torture. Di coloro che furono processati, otto furono condannati a morte, nove a vari periodi di carcere e sessantuno, benché assolti, deportati nelle colonie africane, il tutto per ordine del presidente del consiglio antonio canovas del castillo).
L’8 agosto del 1897 Michele Angiolillo vendica quelle che per lui erano vittime del governo spagnolo, giustizia colui che aveva ordinato di perseguitare e uccidere i suoi fratelli Anarchici. Muore Il 20 agosto 1897 ucciso, a Vergara, con la garrota.


 ⒶWalter Ranieri Ⓐ

I RIBELLI

I RIBELLI

Popular Posts

Blogger templates

 

Blogroll

About